Credere nelle proprie idee.

Scritto il alle 10:17 da Ascanio L. Strinati

“If you can’t then you must”. Condivido chi ha la forza e la determinazione nell’applicare giorno dopo giorno l’atteggiamento “se non puoi, allora devi”.

Credere nelle proprie idee… Sembrano le parole di un motivatore, in realtà, riportate al trading, si traducono in “creare una strategia e portarla avanti”, incurante che il mercato dia dei falsi segnali o vada per la maggior parte del tempo nella direzione opposta.

Certo, non posso andare contro mercato ad oltranza… bisogna darsi delle regole. La principale regola è “tagliare le perdite e far correre i profitti” (tutti lo dicono, pochi lo fanno…)

E cosa succede?

Il mancato rispetto delle proprie strategie porta proprio al comportamento opposto: tagliare i profitti e …lasciar correre le perdite in attesa di (improbabili) recuperi (questo è il principale motivo per cui molti operatori considerano il trading stressante!)

E’ normale avere delle aspettative.
E’ “professionale” confermarle attraverso degli studi (indicatori, analisi, trend…)
E’ giusto entrare a mercato ed assumersi il rischio delle proprie idee (non lasciatele “su carta”)
E’ prudente inserire dei limiti alle potenziali perdite.
E’ sciocco, se le cose non vanno come si sperava, portarle avanti ad oltranza (non rispettare tali limiti, “autoconvincendosi” che le cose volgeranno “sicuramente” a vostro favore).

Se “a freddo” abbiamo inserito quegli “stop”, probabilmente un motivo c’era.

La maggior parte degli operatori (quelli che non guadagnano) modifica le proprie decisioni “in corsa”, sostituendo una strategie “razionali e ponderate” con decisioni prese in “situazioni limite” (mercato vicino allo stop, perdita massima, emotività al massimo… e stress a 1000).

Beh, le conseguenze sono evidenti.

Essere a mercato da diverso tempo, con una situazione di pesante perdita (decisamente sotto a quella programmata inizialmente), e con le cose che non sembrano cambiare… a questo punto, si:

Trading = Stress!

Sarebbe molto meglio realizzare una piccola perdita, metabolizzare che “può accadere”, prendersi magari una pausa (minuti, ore, giorni) e poi rimettersi a fare il lavoro più bello del mondo!

Dunque… Credere nelle proprie idee… e darsi delle regole! ;o)

Bye

Filippo Cossetti

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Credere nelle proprie idee., 10.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buongiorno e buona domenica, riprendiamo il discorso sullo sviluppo ciclico
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi